Bandi aperti

faq - 30/10/2020

Il Fondo, istituito con la l.r. n.35/2016, promuove l’internazionalizzazione del tessuto imprenditoriale lombardo supportando la realizzazione di progetti di internazionalizzazione complessi da parte di PMI tramite programmi integrati atti a sviluppare e/o consolidare la presenza e la capacità di azione delle stesse nei mercati esteri.  

Beneficiari:
Possono partecipare le PMI che posseggano i seguenti requisiti previsti all’articolo A.3 del Bando. In particolare le PMI che:

a) siano iscritte al Registro delle Imprese ed attive da almeno 24 mesi;

b) abbiano Sede Operativa attiva in Lombardia o che si impegnino a costituirla entro la data di stipula del contratto di Finanziamento.

Sono escluse le PMI aventi codice Ateco primario ricompreso nella sezione della classificazione Ateco 2007:

A (Agricoltura, silvicoltura e pesca),

L (Attività immobiliari)

K (Attività finanziarie ed assicurative).  

La dotazione finanziaria iniziale messa a disposizione pari a 7 milioni di euro, salvo ulteriori risorse aggiuntive che si renderanno disponibili.

L’agevolazione viene concessa nella forma tecnica di un finanziamento a medio-lungo termine (da 3 a 6 anni, di cui fino a 2 anni di preammortamento), che può concorrere sino al 80% della spesa complessiva ammissibile del Progetto, nel rispetto dell’intensità di aiuto del Regolamento de minimis. L’importo del Finanziamento richiedibile in domanda dovrà essere compreso tra 50 e 500 mila euro.

Al finanziamento sarà applicato un tasso nominale annuo pari allo 0%.  

Finanzia i Progetti riguardanti programmi integrati di sviluppo internazionale, tesi alla creazione di un portafoglio articolato di servizi e attività per la partecipazione a iniziative finalizzate ad avviare in maniera strutturata e/o consolidare il proprio business nei mercati esteri attraverso lo sviluppo e/o il consolidamento della presenza e della capacità d’azione delle PMI. Tali programmi di sviluppo internazionale non dovranno in ogni caso essere riferiti ad attività che si possano configurare come aiuto all’esportazione.

Spese ammissibili

Le spese complessive ammissibili non inferiori a 62.500 euro.

Le spese ammissibili, sostenute (fatturate e quietanzate) dalla presentazione della Domanda devono riguardare:

a) Partecipazione a fiere internazionali in Italia e all’estero e ad eventi collegati organizzati al massimo 10 giorni prima o dopo la fiera (ad es. workshop, eventi B2B, seminari, ecc.);

b) Istituzione temporanea all’estero (per un periodo di massimo 6 mesi) di show-room/spazi espositivi per la promozione dei prodotti/brand sui mercati esteri;

c) Azioni di comunicazione ed advertising per la promozione di prodotti o brand su mercati esteri non aventi carattere di vendita diretta o indiretta;

d) Consulenze in relazione al Progetto e al programma di internazionalizzazione (piani di marketing, analisi di mercato, studi di fattibilità, ricerca partner esteri, doganale, fiscalità, contrattualistica, strategica e commerciale, certificazioni, … definizione del Progetto / Domanda);

e) Spese per il conseguimento di certificazioni estere per prodotti da promuovere nei paesi target (incluse le certificazioni per l’ottenimento dello status di Operatore Economico Autorizzato e delle altre figure di esportatore autorizzato previste dagli accordi di libero scambio siglati dalla UE con Paesi terzi);

f) Commissioni per eventuali garanzie fidejussorie di cui alla D.G.R n. 675/2018;

g) Spese per il personale dipendente (in Italia e all’estero) impiegato nel Progetto fino a un massimo del 30% del totale delle spese ammissibili. Non sono ammissibili le spese di viaggio (trasferta e alloggio);

h) Spese generali forfettarie per un massimo del 15% delle spese di personale di cui alla precedente lettera g).

Chiusura: sino ad esaurimento della dotazione finanziaria e comunque non oltre il 31 dicembre 2020

Domanda di partecipazione su Bandi Online.

Per informazioni:

 

Bandi chiusi

 

faq - 30/10/2020

Il Fondo, istituito con la l.r. n.35/2016, promuove l’internazionalizzazione del tessuto imprenditoriale lombardo supportando la realizzazione di progetti di internazionalizzazione complessi da parte di PMI tramite programmi integrati atti a sviluppare e/o consolidare la presenza e la capacità di azione delle stesse nei mercati esteri.  

Beneficiari:
Possono partecipare le PMI che posseggano i seguenti requisiti previsti all’articolo A.3 del Bando. In particolare le PMI che:

a) siano iscritte al Registro delle Imprese ed attive da almeno 24 mesi;

b) abbiano Sede Operativa attiva in Lombardia o che si impegnino a costituirla entro la data di stipula del contratto di Finanziamento.

Sono escluse le PMI aventi codice Ateco primario ricompreso nella sezione della classificazione Ateco 2007:

A (Agricoltura, silvicoltura e pesca),

L (Attività immobiliari)

K (Attività finanziarie ed assicurative).  

La dotazione finanziaria iniziale messa a disposizione pari a 7 milioni di euro, salvo ulteriori risorse aggiuntive che si renderanno disponibili.

L’agevolazione viene concessa nella forma tecnica di un finanziamento a medio-lungo termine (da 3 a 6 anni, di cui fino a 2 anni di preammortamento), che può concorrere sino al 80% della spesa complessiva ammissibile del Progetto, nel rispetto dell’intensità di aiuto del Regolamento de minimis. L’importo del Finanziamento richiedibile in domanda dovrà essere compreso tra 50 e 500 mila euro.

Al finanziamento sarà applicato un tasso nominale annuo pari allo 0%.  

Finanzia i Progetti riguardanti programmi integrati di sviluppo internazionale, tesi alla creazione di un portafoglio articolato di servizi e attività per la partecipazione a iniziative finalizzate ad avviare in maniera strutturata e/o consolidare il proprio business nei mercati esteri attraverso lo sviluppo e/o il consolidamento della presenza e della capacità d’azione delle PMI. Tali programmi di sviluppo internazionale non dovranno in ogni caso essere riferiti ad attività che si possano configurare come aiuto all’esportazione.

Spese ammissibili

Le spese complessive ammissibili non inferiori a 62.500 euro.

Le spese ammissibili, sostenute (fatturate e quietanzate) dalla presentazione della Domanda devono riguardare:

a) Partecipazione a fiere internazionali in Italia e all’estero e ad eventi collegati organizzati al massimo 10 giorni prima o dopo la fiera (ad es. workshop, eventi B2B, seminari, ecc.);

b) Istituzione temporanea all’estero (per un periodo di massimo 6 mesi) di show-room/spazi espositivi per la promozione dei prodotti/brand sui mercati esteri;

c) Azioni di comunicazione ed advertising per la promozione di prodotti o brand su mercati esteri non aventi carattere di vendita diretta o indiretta;

d) Consulenze in relazione al Progetto e al programma di internazionalizzazione (piani di marketing, analisi di mercato, studi di fattibilità, ricerca partner esteri, doganale, fiscalità, contrattualistica, strategica e commerciale, certificazioni, … definizione del Progetto / Domanda);

e) Spese per il conseguimento di certificazioni estere per prodotti da promuovere nei paesi target (incluse le certificazioni per l’ottenimento dello status di Operatore Economico Autorizzato e delle altre figure di esportatore autorizzato previste dagli accordi di libero scambio siglati dalla UE con Paesi terzi);

f) Commissioni per eventuali garanzie fidejussorie di cui alla D.G.R n. 675/2018;

g) Spese per il personale dipendente (in Italia e all’estero) impiegato nel Progetto fino a un massimo del 30% del totale delle spese ammissibili. Non sono ammissibili le spese di viaggio (trasferta e alloggio);

h) Spese generali forfettarie per un massimo del 15% delle spese di personale di cui alla precedente lettera g).

Chiusura: sino ad esaurimento della dotazione finanziaria e comunque non oltre il 31 dicembre 2020

Domanda di partecipazione su Bandi Online.

Per informazioni:

presidente
contatta_presidente
Contatta la Presidente Vai